Home > Montagna > Col Flassin, la gita che non può mancare

Col Flassin, la gita che non può mancare

Il freddo sta allentando la sua morsa, le previsioni danno una splendida giornata di sole, il pericolo valanghe è sceso a due su tutta la regione: è venerdì pomeriggio è la chat del gruppo di scialpinismo inizia ad animarsi. Chi viene domani a fare una gita? Dove andiamo?

IMG_0955Dopo vari consulti e dopo aver contrattato un orario di partenza moderato (che significa dopo le 8 del mattino) per evitare il congelamento, decidiamo di andare al col Flassin. Arrivati alla partenza della pista di fondo, dopo l’immancabile caffè, ci mettiamo in marcia: siamo in cinque, Deborah, Nives, Davide, Erik e io. Ritmo lento, attrezzatura da gita per godersi meglio la discesa.

Già dopo aver visto il parcheggio, avevamo intuito che avremmo trovato parecchie persone, ma salendo abbiamo superato davvero tanti gruppi di scialpinisti e ciaspolatori: non le ho contate, ma credo che il numero di persone fosse più vicino ai cento e ai cinquanta.

Nel primo tratto, la traccia si sviluppa nel bosco, fa freddo, ma per fortuna non c’è vento. Appena sbuchiamo nella parte sopra le piante, ci ritroviamo in pieno sole e la temperatura cambia radicalmente, come cambia anche il panorama. Per quanto salire dentro il bosco abbia il suo fascino, con i giochi di luci e i profumi tipici degli arbusti, appena sopra c’è tutto un altro respiro: lo sguardo spazia nel lungo vallone di Flassin, vediamo il colle qualche centinaio di metri sopra di noi, alle nostre spalle svetta il Cervino e si intravede il Monte Rosa.

IMG_0958Passate le baite, attacchiamo l’ultima salita con un po’ più di brio e dopo l’ultimo sforzo ci troviamo al colle che regala una vista magnifica sul Monte Bianco e le Grandes Jorasses.

Tempo di cambiarsi e ci lanciamo giù per la discesa: nonostante sia già tritata dagli scialpinisti passati nei giorni scorsi, la neve è leggera, quasi inconsistente, non potevamo chiedere di meglio!

Prendiamo un canalino meno frequentato per poter godere ancora di più di quelle condizioni eccezionali, il sorriso ci accompagna per tutta la discesa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *